Kaos il cane eroe del terremoto di Amatrice è stato avvelenato; indagine sulla morte

Il 28 Luglio 2018 è stato ritrovato avvelenato uno dei cani-eroi dopo il terremoto di Amatrice; Kaos in quel momento si trovava nella casa del suo padrone nei pressi de L’Aquila

Scomparso dal giorno prima è stato ritrovato Kaos, il pastore tedesco che ha salvato molte vite umane nel recente dramma di Amatrice, l’evento sismico che ha martoriato gran parte del centro Italia nel 2016. Il suo padrone il giorno prima aveva lanciato l’appello per la sua scomparsa, poche ore dopo la terribile scoperta. Struggente il messaggio lasciato su Facebook di Fabiano Ettorre, dopo il ritrovamento del suo amico a quattro zampe

Ciao amico mio !!!!! Hai lasciato un vuoto incolmabile per mano di una persona meschina .. continua il tuo lavoro lassù continua a cercare dispersi, a salvare vite umane… Non provare odio per chi ti ha fatto ciò, anzi se un domani avrà bisogno aiutalo sii superiore e quanto ti guarderà negli occhi e vedrà che sei tu il suo Salvatore morirà lentamente da solo…. Kaos ne abbiamo.viste tante … aiutati tanti e tanti non ci siamo riusciti… hai lavorato giorno e notte, quando è servito non ti sei mai risparmiato .. sei stato un amico fedele abbiamo condiviso e diviso casa.. divano .. tutto .. corri amico mio corri non ti fermare un giorno ci abbracceremo nuovamente

Le associazioni di animalisti hanno risposto in maniera molto chiara al funesto evento. “Presenteremo una denuncia. Chiederemo inoltre al Governo una legge che che vieti la vendita ed il commercio di veleni e fitofarmaci, se non con ricetta che renda rintracciabile chi li compra”, questa la dichiarazione di Rinaldo Sidoli, responsabile comunicazione della onlus Animalisti Italiani. “Non è stato ucciso un cane, è stato ucciso un eroe: un cane addestrato a salvare le  vite degli altri, le nostre vite. Non si tratta soltanto della solita cieca crudeltà, sempre ripugnante, il danno arrecato è incalcolabile perché non tutti i cani sono adatti a diventare cane da soccorso e ci vogliono tanto tempo e tante risorse per trovare un vero eroe. Al proprietario di Kaos va tutto il nostro affetto, in questo difficile momento. Alle forze dell’ordine chiediamo indagini serie e scrupolose e il massimo della pena per il responsabile di un simile gesto. Chissà, se mai questa persona si trovasse in pericolo, non troverà Kaos a salvarla”. Queste invece le parole di Simona Bazzoni, responsabile organizzativo della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente.

Noi lo vogliamo ricordare in maniera affettuosa, con un video che lo mostra in tutta la sua essenza, quella di un salvatore di vite in pericolo; con la speranza che chi commette atti simili venga davvero punito dallo stato italiano, con giustizia.

Kaos

Hanno ucciso il cane eroe di Amatrice e Norcia. Kaos salvava gli umani, gli stessi umani che lo hanno avvelenato. Presenteremo una denuncia. Chiederemo inoltre al Governo una Legge che che vieti la vendita ed il commercio di veleni e fitofarmaci, se non con ricetta che renda rintracciabile chi li compra. Un abbraccio affettuoso a Fabiano Ettorre.

Pubblicato da Rinaldo Sidoli su Sabato 28 luglio 2018

Gabriele Serafini

Classe 1992, meteoappassionato dal 2011 e studente di Ingegneria Meccanica presso l'Università Roma Tre. Ha fondato Meteo Lazio a Novembre del 2014, come gruppo di segnalatori da tutta l'omonima regione. Amante degli eventi climatici estremi, nonché freddofilo ha fondato l'Associazione Neve Appennino nel 2016 ed è membro dell'Associazione Bernacca Onlus. Dal 2017 è all'attivo di numerosi progetti scientifici con finalità di studio di microclimi d'interesse del Lazio e non solo.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.