È propio il Lazio la regione italiana che ha subito il maggior aumento delle temperature negli ultimi 50 anni secondo uno studio sui cambiamenti climatici!

Da una ricerca dell’Osservatorio Balcani e Caucaso nell’ambito del progetto “In marcia per il clima”, condotta attraverso l’utilizzo di dati di temperatura provenienti da Copernicus (il programma dell’Unione Europea di osservazione della Terra attraverso i satelliti) e dall’ECMWF (European Centre for Medium Range Weather Forecasts) ha evidenziato come, negli ultimi 50 anni, la regione italiana ad aver fatto registrare il maggiore incremento di temperatura a causa del surriscaldamento globale sia proprio il Lazio (+2,66 °C), al secondo posto troviamo il Trentino-Alto Adige (+2,57 °C), e al terzo la Lombardia (+2,56 °C). Se da una parte è evidente che l’urbanizzazione e il consumo di suolo (cementificazione e impermeabilizzazione) abbiano contribuito e amplificato un fenomeno di portata globale, dall’altra è altrettanto palese che le aree montuose siano tra gli ambienti più sensibili al cambiamento climatico (possibile generale cambio di circolazione atmosferica nella regione alpina), come evidenziato dagli elevati incrementi di temperatura registrati, anche a livello provinciale e comunale, in diverse aree di confine del Trentino-Alto Adige, della Lombardia e della Valle d’Aosta tant’è che il comune che ha rilevato il maggior incremento termico (+4,5°C) si trova nella provincia di Bolzano.

L’incremento della temperatura sul territorio nazionale negli ultimi 50 anni. Significativa la differenza di aumento tra una zona e l’altra, in generale si può constatare che laddove vi è stata una maggiore urbanizzazione l’incremento è stato più significativo, ma ci sono delle aree che hanno subito un maggiore aumento forse per un generale cambio della circolazione atmosferica. Fonte: EDJNet su dati Copernicus e ECMWF.

 

Ma veniamo alla situazione nella nostra regione! Come possiamo notare dall’immagine sono in genere i comuni costieri, nonchè i comuni più popolosi, ad avere avuto il maggior incremento di temperatura (tra 3,5 e 4°C): Anzio (RM), Aprilia (LT), Ardea (RM), Capena (RM), Cerveteri (RM), Fiumicino (RM), Fonte Nuova (RM), Ladispoli (RM), Lanuvio (RM), Latina, Monterotondo (RM), Nettuno (RM), Roma, Sabaudia (LT) e Sacrofano (RM). Probabilmente questo è dovuto in primo luogo alla forte urbanizzazione di queste aree nel corso degli ultimi 50 anni oltre che a una diversa circolazione atmosferica e, perchè no, anche a causa della temperatura del mare che risulta mediamente più alta rispetto al passato tant’è che il comune che ha fatto registrare l’aumento di temperatura più significativo è Fiumicino (RM) con ben +4°C nel periodo che va dal 1961 al 2018! (G.G.)

 

La variazione di temperatura sul Lazio (diviso per comuni) negli ultimi 50 anni. Maggioremente interessate le province di Roma e Latina con un aumento compreso anche tra 3,5 e 4°C. Fonte: EDJNet su dati Copernicus e ECMWF.

 

Gianluca Giorgi

Classe 1991; nato, cresciuto e, tuttora residente, sul Litorale Romano. Fin da piccolo appassionato di meteorologia e di fenomeni naturali. Osserva e studia il tempo e il clima della costa da diversi anni (misurazione di pioggia, temperature e vento). Collabora con Meteo Lazio sin dalla sua nascita con il suo consueto bollettino meteorologico del mattino.

Gianluca Giorgi
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.