NETATMO

Discussioni tecniche sulle stazioni meteorologiche.
Rispondi
Avatar utente
Raffaello
Brezza leggera
Messaggi: 92
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 11:47
Località: Scandriglia
Stazione meteo: Varie
Preferenza meteo: Caldofilo
Mi piace dati: 3
Mi piace ricevuti: 38
Contatta:

NETATMO

Messaggio da Raffaello » mercoledì 10 ottobre 2018, 12:04

Iniziamo questa discussione sulla stazione meteorologica in oggetto.
Ho avuto la fortuna che il sensore di temperatura ed umidità esterno si è rotto dopo 4 mesi di utilizzo continuativo all'esterno inserito in uno schermo SIAP adattato all'occorrenza.
Così ho deciso di smontarlo e vedere insieme a voi cosa c'è dentro.
Immagine
In questa foto si vedono le tre parti che tutti conoscono: tappo, vano batterie e "schermo" cilindrico.
Ho messo tra virgole la parola schermo perchè come vedrete nelle successive foto, in realtà non si tratta di uno schermo ma di una semplice copertura delle batterie.
Immagine
Questo è l'interno del copri batterie.
Immagine
Ecco la scheda elettronica smontata. In una normale installazione questa scheda è situata in basso rispetto al cilindro. Occhio quindi ad appoggiarlo da qualche parte perché la temperatura rilevata sarà per la maggiorparte quella rilasciata dal piano ove verrà poggiata.
Immagine
Ecco la scheda girata al contrario. Ben evidente si nota l'antenna e circondato da gomma, il sensore di temperatura umidità
Immagine
Questo uno zoom.

Il sensore in questione è il seguente:
https://www.mouser.com/ds/2/682/Sensiri ... 274196.pdf
E' un sensore con interfaccia I2C che viene letta da un STM32L (situato sotto l'etichetta)
https://www.st.com/en/microcontrollers/stm32l151c8.html

Accanto all'STM c'è il trasmettitore della Texas Instruments CC11OL a 868MHz

Parliamo del sensore di temperatura ed umidità?? Bene. Sapete dove si ritrova un SHT? Ma nelle nostre blasonate Davis!!!
Secondo me questo sensore è presente anche in molte altre stazioni meteorologiche. E' un chip a bassissimo costo (andate a cercare il prezzo).
E' lo stesso che si utilizza su arduino. Io l'ho utilizzato per una stazione meteo da mettere in grotta.

Come confronto, vi rimando ad una pagina che mostra uno dei sensori che vengono installati in aeroporto:
Rotronic HC2-S3: https://www.rotronic.com/it-it/hc2-s3.html
Non so se è stato soppiantato da un'altra versione ma ricordo che costava intorno ai 300 euro
Immagine

Avatar utente
sheldon
Amministratore
Messaggi: 2648
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 0:11
Località: Roma E.U.R.
Stazione meteo: Davis Vantage Pro 2
Preferenza meteo: Caldofilo
Mi piace dati: 573
Mi piace ricevuti: 349
Contatta:

Re: NETATMO

Messaggio da sheldon » mercoledì 10 ottobre 2018, 23:46

Ormai i termistori hanno soppiantato le vecchie tecnologie la famosa resistenza di platino PT100, chi la usa più, quando un termistore costa poco più di 1€ e offre prestazioni per niente male?? Credo che la Davis ultimamente abbia preso dei termistori migliori, che offrono un errore di +- 0.3°C invece che 0.5°C. Altra grossa differenza sta nella qualità chip di conversione in temperatura dei voltaggi riportati.
Roma E.U.R. 24 m s.l.m.
Stazione meteo Davis Vantage Pro 2 installata su tetto dal 13 ottobre 2014 e webcam attiva dal 2018.
Stazione online 24 ore su 24: http://romaeurmeteo.it
Temp. minima: -4.1°C (28 febbraio 2018)
Temp. massima: 37.5°C (2 agosto 2017)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Come si postano i dati nel nowcasting? Scoprilo QUI

Avatar utente
Raffaello
Brezza leggera
Messaggi: 92
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 11:47
Località: Scandriglia
Stazione meteo: Varie
Preferenza meteo: Caldofilo
Mi piace dati: 3
Mi piace ricevuti: 38
Contatta:

Re: NETATMO

Messaggio da Raffaello » giovedì 11 ottobre 2018, 7:34

Si, la Davis forse ora usa l'SHT31. No, no fa tutto l'SHT esce già in i2C, non è necessaria alcuna conversione. Una comunicazione tipo seriale.
Il valore riportato si può direttamente leggere con un micro o raspberry o qualsiasi piattaforma con ingressi i2C.
Il costo dipende da quanto il termistore utilizzato sia lineare nel tempo e non si discosti dalla sua curva di operatività.
Il fatto che siano più o meno simili i sensori delle stazioni amatoriali, va a nostro favore perchè a parità di installazione (schermi) possono essere benissimo confrontate.

Rispondi