Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Argomenti riguardanti la Meteorologia in generale, analisi dei modelli matematici e previsioni.
Rispondi
matteo-cecchignola
Brezza leggera
Messaggi: 64
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 11:48
Località: Roma
Stazione meteo: davis vantage pro2 plus
Mi piace dati: 1
Mi piace ricevuti: 10

Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da matteo-cecchignola » venerdì 30 agosto 2019, 17:44

il mese comincerà con tempo fortemente perturbato e importante calo termico
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
estremi storici +40.9°c 05-08-2003 -8.7°c 11-01-1985

Avatar utente
LifeiSnow
Fondatore Meteo Lazio
Messaggi: 666
Iscritto il: lunedì 12 febbraio 2018, 1:41
Località: Roma
Stazione meteo: Davis Vantage Vue
Preferenza meteo: Freddofilo
Mi piace dati: 345
Mi piace ricevuti: 93
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da LifeiSnow » venerdì 30 agosto 2019, 21:44

Immagine
Qualcuno mi frusterà :asd: ma comunque gli spaghi dell'altezza geopotenziale sul medio termine sono abbastanza eloquenti. Temporali a gogo per le zone interne (ottimo per chi andrà alla ricerca di funghi il prossimo mese :brindisi: )
FUAFFS

Stazione Meteo di Proprietà: Roma San Pietro
Davis Vantage Vue 6157EU
Installata l'08 Giugno 2018
http://www.meteoregionelazio.it/stazion ... pietro.php
Records: 12 Agosto 2019 38.4°C 05 Gennaio 2019 0.8°C

Antonio da Ostia
Moderatore
Messaggi: 275
Iscritto il: domenica 18 febbraio 2018, 15:35
Località: Infernetto ( X Municipio Roma )
Stazione meteo: Oregon WMR 88
Mi piace dati: 54
Mi piace ricevuti: 49

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da Antonio da Ostia » domenica 8 settembre 2019, 10:17

Bisognerà prestare attenzione ai prossimi aggiornamenti riguardanti la prima parte di mercoledì, quando le regioni del versante tirrenico potrebbero risultare investite da forti condizioni di maltempo.
Monitoriamo.
Rilevamento dati climatici Ostia-Infernetto a partire dal 01/01/2007
Estremi termici:
Temperatura minima: -3.7°C ( 28/02/2018 )
Temperatura massima: +38.5°C ( 27/06/2019 )
Massimi quantitativi di precipitazione giornaliera:
140 mm il 31-01-2014
111 mm il 10-09-2017

matteo-cecchignola
Brezza leggera
Messaggi: 64
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 11:48
Località: Roma
Stazione meteo: davis vantage pro2 plus
Mi piace dati: 1
Mi piace ricevuti: 10

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da matteo-cecchignola » domenica 8 settembre 2019, 10:46

da venerdi colpo di coda dell'estate ultimo weekend al mare?
estremi storici +40.9°c 05-08-2003 -8.7°c 11-01-1985

Avatar utente
sheldon
Amministratore
Messaggi: 2530
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 0:11
Località: Roma E.U.R.
Stazione meteo: Davis Vantage Pro 2
Preferenza meteo: Caldofilo
Mi piace dati: 556
Mi piace ricevuti: 325
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da sheldon » lunedì 9 settembre 2019, 0:38

Antonio da Ostia ha scritto:
domenica 8 settembre 2019, 10:17
Bisognerà prestare attenzione ai prossimi aggiornamenti riguardanti la prima parte di mercoledì, quando le regioni del versante tirrenico potrebbero risultare investite da forti condizioni di maltempo.
Monitoriamo.
Stasera reading butta tutto a ovest della Sardegna :ehm:
Roma E.U.R. 24 m s.l.m.
Stazione meteo Davis Vantage Pro 2 installata su tetto dal 13 ottobre 2014 e webcam attiva dal 2018.
Stazione online 24 ore su 24: http://romaeurmeteo.it
Temp. minima: -4.1°C (28 febbraio 2018)
Temp. massima: 37.5°C (2 agosto 2017)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Come si postano i dati nel nowcasting? Scoprilo QUI

Avatar utente
eremite
Vento fresco
Messaggi: 602
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 12:07
Località: Nerola
Stazione meteo: davis vue / froggit wh1080se
Preferenza meteo: Freddofilo
Mi piace dati: 23
Mi piace ricevuti: 79
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da eremite » lunedì 9 settembre 2019, 11:09

Sembrava una situazione interessante quella per i prossimi giorni, non tanto come veniva proposta svariati giorni va con la goccia scendere in pieno sull'Italia, una situazione che sappiamo non porta fasi di maltempo diffusa ma solo instabilità convettiva pomeridiana, ma era decisamente più interessante la nuova strada presa negli ultimi giorni, con la saccatura in discesa tra Baleari e Sardegna, uno scenario che, statisticamente, tende a portare maltempo diffuso e piogge anche abbondanti in particolar modo sul settore tirrenico-centro settentrionale.
Nelle ultime ore però la situazione è cambiata ulteriormente, quella che sembrava essere una bella e grossa saccatura è stata rivisitata in goccia fredda, cut-off, a ovest delle Baleari, anzi, proprio sulla Spagna.
GH+T500_med_42.png
Una situazione questa che non porterà maltempo da noi, ma probabilmente neanche instabilità visto anche che, con questa configurazione, sarà favorito un aumento dell'altezza del geopotenziale che, nei giorni seguenti sarà accompagnato anche da un aumento del campo termico.
Al momento, quindi, l'unica opportunità di assistere a qualche rovescio o temporale risiede nell'instabilità convettiva che potrebbe proporsi martedì (e forse anche mercoledì) durante le ore pomeridiane grazie all'infiltrazione di una piccolissima e vagante goccia fredda.
GH+T500_ita_36.png
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Nerola(RM) - 430 metri slm
http://www.meteonerola.it
temp max: +39,6°c 02/08/2017
temp min: -7,7°c 28/02/2018
raffica max: 127km/h(davis)|149km/h(froggit) 23/02/2019

matteo-cecchignola
Brezza leggera
Messaggi: 64
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 11:48
Località: Roma
Stazione meteo: davis vantage pro2 plus
Mi piace dati: 1
Mi piace ricevuti: 10

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da matteo-cecchignola » lunedì 9 settembre 2019, 11:15

il bombarolo inizia a colpire... :asd:
Con settembre ci avviamo ufficialmente verso il semestre invernale che mai come quest'anno mostrerà dinamiche bizzarre e sorprendenti. A tal proposito, sulla base delle prime tendenze stagionali possiamo confermarvi fin d'ora che, l'inverno 2019/2020 potrebbe essere più freddo della norma e soprattutto con un discreto carico di NEVE, con un precoce raffreddamento del comparto russo-siberiano, il vero serbatoio del gelo. Il GRANDE FREDDO potrebbe dunque arrivare prima del previsto a causa di una figura fondamentale che riuscirebbe a manovrare il clima europeo: parliamo dell'alta pressione delle Azzorre.
Ecco quando e perché.

La bolla di aria più calda stazionaria tra la penisola Iberica e le Azzorre, tenderà, svariate volte, ad emigrare verso Nord, per poi piegare verso Est. Nel concreto, l'anticiclone oceanico raggiungerebbe Spagna, Francia e Gran Bretagna, per poi dirigersi addirittura verso Norvegia e Scandinavia. L'arrivo di aria calda a latitudini così settentrionali riuscirà a mettere in moto le prime colate di aria più fredda (di origine polare marittima) che saranno costrette a percorrere strade diverse da quelle usuali e a dirigersi quindi verso il Mediterraneo e dunque anche verso l'Italia (in modo retrogrado).
E' ipotizzabile, quanto meno secondo gli aggiornamenti a lunghissimo termine, un precoce ritorno della NEVE a quote basse ed eccezionalmente anche in pianura (diciamo tra metà e fine novembre), soprattutto al Nord (Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna), con scirocco al Sud e sulle regioni adriatiche.

Questo potrebbe essere solo l'antipasto poiché tra dicembre, gennaio e febbraio il nostro Paese potrebbe essere obiettivo di colate artico-continentali che dalla Russia terminerebbero la loro corsa verso l'Italia con la nascita di vortici perturbati, responsabili di nevicate intense e durature. Non sarà una sorpresa il ritorno dell'orso russo-siberiano o BURIAN che farà “tremare dal gelo l'Italia”. A turno quindi, tutto il nostro paese potrebbe vivere “episodi bianchi”. Prematuramente il Nord, poi anche il Centro e successivamente il Sud (con attacchi da Est, dai Balcani).

Quali sono altre cause che ci proietteranno verso una probabile stagione molto fredda e nevosa?Qualcuno non esclude che potrebbe essere lo zampino dello stratwarming, l'anomalo ed inconsueto riscaldamento della stratosfera che si sta registrando al Polo Sud.
Ovviamente seguiremo l'evolversi della situazione per ulteriori conferme in merito.
estremi storici +40.9°c 05-08-2003 -8.7°c 11-01-1985

Avatar utente
eremite
Vento fresco
Messaggi: 602
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 12:07
Località: Nerola
Stazione meteo: davis vue / froggit wh1080se
Preferenza meteo: Freddofilo
Mi piace dati: 23
Mi piace ricevuti: 79
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da eremite » lunedì 9 settembre 2019, 11:23

matteo-cecchignola ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 11:15
il bombarolo inizia a colpire... :asd:
Con settembre ci avviamo ufficialmente verso il semestre invernale che mai come quest'anno mostrerà dinamiche bizzarre e sorprendenti. A tal proposito, sulla base delle prime tendenze stagionali possiamo confermarvi fin d'ora che, l'inverno 2019/2020 potrebbe essere più freddo della norma e soprattutto con un discreto carico di NEVE, con un precoce raffreddamento del comparto russo-siberiano, il vero serbatoio del gelo. Il GRANDE FREDDO potrebbe dunque arrivare prima del previsto a causa di una figura fondamentale che riuscirebbe a manovrare il clima europeo: parliamo dell'alta pressione delle Azzorre.
Ecco quando e perché.

La bolla di aria più calda stazionaria tra la penisola Iberica e le Azzorre, tenderà, svariate volte, ad emigrare verso Nord, per poi piegare verso Est. Nel concreto, l'anticiclone oceanico raggiungerebbe Spagna, Francia e Gran Bretagna, per poi dirigersi addirittura verso Norvegia e Scandinavia. L'arrivo di aria calda a latitudini così settentrionali riuscirà a mettere in moto le prime colate di aria più fredda (di origine polare marittima) che saranno costrette a percorrere strade diverse da quelle usuali e a dirigersi quindi verso il Mediterraneo e dunque anche verso l'Italia (in modo retrogrado).
E' ipotizzabile, quanto meno secondo gli aggiornamenti a lunghissimo termine, un precoce ritorno della NEVE a quote basse ed eccezionalmente anche in pianura (diciamo tra metà e fine novembre), soprattutto al Nord (Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna), con scirocco al Sud e sulle regioni adriatiche.

Questo potrebbe essere solo l'antipasto poiché tra dicembre, gennaio e febbraio il nostro Paese potrebbe essere obiettivo di colate artico-continentali che dalla Russia terminerebbero la loro corsa verso l'Italia con la nascita di vortici perturbati, responsabili di nevicate intense e durature. Non sarà una sorpresa il ritorno dell'orso russo-siberiano o BURIAN che farà “tremare dal gelo l'Italia”. A turno quindi, tutto il nostro paese potrebbe vivere “episodi bianchi”. Prematuramente il Nord, poi anche il Centro e successivamente il Sud (con attacchi da Est, dai Balcani).

Quali sono altre cause che ci proietteranno verso una probabile stagione molto fredda e nevosa?Qualcuno non esclude che potrebbe essere lo zampino dello stratwarming, l'anomalo ed inconsueto riscaldamento della stratosfera che si sta registrando al Polo Sud.
Ovviamente seguiremo l'evolversi della situazione per ulteriori conferme in merito.
Non sei il primo da cui leggo una visione fortemente ottimistica (pro-freddofila) per la prossima stagione invernale, leggo in giro di segnali molto evidenti
Nerola(RM) - 430 metri slm
http://www.meteonerola.it
temp max: +39,6°c 02/08/2017
temp min: -7,7°c 28/02/2018
raffica max: 127km/h(davis)|149km/h(froggit) 23/02/2019

Avatar utente
Guglielmo
Vento fresco
Messaggi: 663
Iscritto il: mercoledì 23 maggio 2018, 16:52
Località: Roma Tor de Schiavi 54 mslm.
Stazione meteo: Wmr88 schermata Davis
Preferenza meteo: Freddofilo
Mi piace dati: 32
Mi piace ricevuti: 38
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da Guglielmo » lunedì 9 settembre 2019, 17:00

matteo-cecchignola ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 11:15
il bombarolo inizia a colpire... :asd:
Con settembre ci avviamo ufficialmente verso il semestre invernale che mai come quest'anno mostrerà dinamiche bizzarre e sorprendenti. A tal proposito, sulla base delle prime tendenze stagionali possiamo confermarvi fin d'ora che, l'inverno 2019/2020 potrebbe essere più freddo della norma e soprattutto con un discreto carico di NEVE, con un precoce raffreddamento del comparto russo-siberiano, il vero serbatoio del gelo. Il GRANDE FREDDO potrebbe dunque arrivare prima del previsto a causa di una figura fondamentale che riuscirebbe a manovrare il clima europeo: parliamo dell'alta pressione delle Azzorre.
Ecco quando e perché.

La bolla di aria più calda stazionaria tra la penisola Iberica e le Azzorre, tenderà, svariate volte, ad emigrare verso Nord, per poi piegare verso Est. Nel concreto, l'anticiclone oceanico raggiungerebbe Spagna, Francia e Gran Bretagna, per poi dirigersi addirittura verso Norvegia e Scandinavia. L'arrivo di aria calda a latitudini così settentrionali riuscirà a mettere in moto le prime colate di aria più fredda (di origine polare marittima) che saranno costrette a percorrere strade diverse da quelle usuali e a dirigersi quindi verso il Mediterraneo e dunque anche verso l'Italia (in modo retrogrado).
E' ipotizzabile, quanto meno secondo gli aggiornamenti a lunghissimo termine, un precoce ritorno della NEVE a quote basse ed eccezionalmente anche in pianura (diciamo tra metà e fine novembre), soprattutto al Nord (Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna), con scirocco al Sud e sulle regioni adriatiche.

Questo potrebbe essere solo l'antipasto poiché tra dicembre, gennaio e febbraio il nostro Paese potrebbe essere obiettivo di colate artico-continentali che dalla Russia terminerebbero la loro corsa verso l'Italia con la nascita di vortici perturbati, responsabili di nevicate intense e durature. Non sarà una sorpresa il ritorno dell'orso russo-siberiano o BURIAN che farà “tremare dal gelo l'Italia”. A turno quindi, tutto il nostro paese potrebbe vivere “episodi bianchi”. Prematuramente il Nord, poi anche il Centro e successivamente il Sud (con attacchi da Est, dai Balcani).

Quali sono altre cause che ci proietteranno verso una probabile stagione molto fredda e nevosa?Qualcuno non esclude che potrebbe essere lo zampino dello stratwarming, l'anomalo ed inconsueto riscaldamento della stratosfera che si sta registrando al Polo Sud.
Ovviamente seguiremo l'evolversi della situazione per ulteriori conferme in merito.
Di già??? :rotfl:

Antonio da Ostia
Moderatore
Messaggi: 275
Iscritto il: domenica 18 febbraio 2018, 15:35
Località: Infernetto ( X Municipio Roma )
Stazione meteo: Oregon WMR 88
Mi piace dati: 54
Mi piace ricevuti: 49

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da Antonio da Ostia » lunedì 9 settembre 2019, 21:51

Arrivano conferme circa un fine settimana caratterizzato da una potente rimonta anticiclonica. :sisi2:
Pertanto da mercoledì/giovedì torneranno condizioni di stabilità con temperature in progressivo aumento.
Contesto termico gradevole.
Tra martedì/ mercoledì maltempo al sud ed in particolare su Calabria, Sicilia e sul mar Tirreno meridionale mentre lo spostamento più ad ovest del vortice ciclonico risparmierà dalle piogge i nostri settori ( che in un primo momento erano visti coinvolti... ).
:ciao:
Rilevamento dati climatici Ostia-Infernetto a partire dal 01/01/2007
Estremi termici:
Temperatura minima: -3.7°C ( 28/02/2018 )
Temperatura massima: +38.5°C ( 27/06/2019 )
Massimi quantitativi di precipitazione giornaliera:
140 mm il 31-01-2014
111 mm il 10-09-2017

matteo-cecchignola
Brezza leggera
Messaggi: 64
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 11:48
Località: Roma
Stazione meteo: davis vantage pro2 plus
Mi piace dati: 1
Mi piace ricevuti: 10

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da matteo-cecchignola » mercoledì 11 settembre 2019, 10:40

qui si prepara un super anticiclone di quelli tosti da scalfire..temo monopolizzerà gran parte del mese e anche ottobre :varie: ..spero di sbagliarmi
estremi storici +40.9°c 05-08-2003 -8.7°c 11-01-1985

matteo-cecchignola
Brezza leggera
Messaggi: 64
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 11:48
Località: Roma
Stazione meteo: davis vantage pro2 plus
Mi piace dati: 1
Mi piace ricevuti: 10

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da matteo-cecchignola » giovedì 12 settembre 2019, 9:23

oggi sembra che dal 18 prenda forma un deciso affondo freddo sulla russia e scandinavia..da noi temperature in caldo specie sul triveneto e fine del caldo
estremi storici +40.9°c 05-08-2003 -8.7°c 11-01-1985

Avatar utente
sheldon
Amministratore
Messaggi: 2530
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 0:11
Località: Roma E.U.R.
Stazione meteo: Davis Vantage Pro 2
Preferenza meteo: Caldofilo
Mi piace dati: 556
Mi piace ricevuti: 325
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da sheldon » sabato 14 settembre 2019, 2:43

La fase calda dovrebbe con molte probabilità essere quantomeno interrotta dal 19. Attualmente, il modello europeo ECMWF vede solamente una rinfrescata con correnti settentrionali, mentre GFS lascia qualche speranza per la pioggia, specialmente nel suo ultimo run deterministico. Allego la media ENS dei due modelli e il run di GFS.
Comunque sia, si parla di aggrapparsi come al solito sul quasi nulla per avere un po' di pioggia :facepalm:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Questi utenti hanno messo mi piace all'autore sheldon per il post:
Albertone
Reputazione: 20%
Roma E.U.R. 24 m s.l.m.
Stazione meteo Davis Vantage Pro 2 installata su tetto dal 13 ottobre 2014 e webcam attiva dal 2018.
Stazione online 24 ore su 24: http://romaeurmeteo.it
Temp. minima: -4.1°C (28 febbraio 2018)
Temp. massima: 37.5°C (2 agosto 2017)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Come si postano i dati nel nowcasting? Scoprilo QUI

Avatar utente
sheldon
Amministratore
Messaggi: 2530
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 0:11
Località: Roma E.U.R.
Stazione meteo: Davis Vantage Pro 2
Preferenza meteo: Caldofilo
Mi piace dati: 556
Mi piace ricevuti: 325
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da sheldon » sabato 14 settembre 2019, 2:46

matteo-cecchignola ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 11:15
il bombarolo inizia a colpire... :asd:
Con settembre ci avviamo ufficialmente verso il semestre invernale che mai come quest'anno mostrerà dinamiche bizzarre e sorprendenti. A tal proposito, sulla base delle prime tendenze stagionali possiamo confermarvi fin d'ora che, l'inverno 2019/2020 potrebbe essere più freddo della norma e soprattutto con un discreto carico di NEVE, con un precoce raffreddamento del comparto russo-siberiano, il vero serbatoio del gelo. Il GRANDE FREDDO potrebbe dunque arrivare prima del previsto a causa di una figura fondamentale che riuscirebbe a manovrare il clima europeo: parliamo dell'alta pressione delle Azzorre.
Ecco quando e perché.

La bolla di aria più calda stazionaria tra la penisola Iberica e le Azzorre, tenderà, svariate volte, ad emigrare verso Nord, per poi piegare verso Est. Nel concreto, l'anticiclone oceanico raggiungerebbe Spagna, Francia e Gran Bretagna, per poi dirigersi addirittura verso Norvegia e Scandinavia. L'arrivo di aria calda a latitudini così settentrionali riuscirà a mettere in moto le prime colate di aria più fredda (di origine polare marittima) che saranno costrette a percorrere strade diverse da quelle usuali e a dirigersi quindi verso il Mediterraneo e dunque anche verso l'Italia (in modo retrogrado).
E' ipotizzabile, quanto meno secondo gli aggiornamenti a lunghissimo termine, un precoce ritorno della NEVE a quote basse ed eccezionalmente anche in pianura (diciamo tra metà e fine novembre), soprattutto al Nord (Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna), con scirocco al Sud e sulle regioni adriatiche.

Questo potrebbe essere solo l'antipasto poiché tra dicembre, gennaio e febbraio il nostro Paese potrebbe essere obiettivo di colate artico-continentali che dalla Russia terminerebbero la loro corsa verso l'Italia con la nascita di vortici perturbati, responsabili di nevicate intense e durature. Non sarà una sorpresa il ritorno dell'orso russo-siberiano o BURIAN che farà “tremare dal gelo l'Italia”. A turno quindi, tutto il nostro paese potrebbe vivere “episodi bianchi”. Prematuramente il Nord, poi anche il Centro e successivamente il Sud (con attacchi da Est, dai Balcani).

Quali sono altre cause che ci proietteranno verso una probabile stagione molto fredda e nevosa?Qualcuno non esclude che potrebbe essere lo zampino dello stratwarming, l'anomalo ed inconsueto riscaldamento della stratosfera che si sta registrando al Polo Sud.
Ovviamente seguiremo l'evolversi della situazione per ulteriori conferme in merito.
Ma chi è l'autore? Comunque sia, gli riconosco una enorme fantasia :asd:
Roma E.U.R. 24 m s.l.m.
Stazione meteo Davis Vantage Pro 2 installata su tetto dal 13 ottobre 2014 e webcam attiva dal 2018.
Stazione online 24 ore su 24: http://romaeurmeteo.it
Temp. minima: -4.1°C (28 febbraio 2018)
Temp. massima: 37.5°C (2 agosto 2017)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Come si postano i dati nel nowcasting? Scoprilo QUI

Avatar utente
sheldon
Amministratore
Messaggi: 2530
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 0:11
Località: Roma E.U.R.
Stazione meteo: Davis Vantage Pro 2
Preferenza meteo: Caldofilo
Mi piace dati: 556
Mi piace ricevuti: 325
Contatta:

Re: Analisi e Previsioni per Settembre 2019

Messaggio da sheldon » sabato 14 settembre 2019, 13:46

qualche possibilità per un fronte da NW giovedì ce la giochiamo...
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Roma E.U.R. 24 m s.l.m.
Stazione meteo Davis Vantage Pro 2 installata su tetto dal 13 ottobre 2014 e webcam attiva dal 2018.
Stazione online 24 ore su 24: http://romaeurmeteo.it
Temp. minima: -4.1°C (28 febbraio 2018)
Temp. massima: 37.5°C (2 agosto 2017)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Come si postano i dati nel nowcasting? Scoprilo QUI

Rispondi