Neve in atto sulle montagne del Lazio, fiocchi fino a 600 metri nel Reatino

Crollo delle temperature e forti nevicate in atto sulle montagne della nostra Regione, temporali in atto in pianura con grandinate, durerà per almeno altri 6 giorni

A causa di una nuova significativa ondata di aria fredda, le temperature sono calate in modo estremamente significativo su tutto il Lazio e su gran parte della Penisola. Si tratta di una ondata fredda decisamente importante per il periodo, tant’è che in questo momento sta nevicando, in modo anche abbastanza copioso, su buona parte della pianura dell’Emilia, della Romagna, sulla bassa Lombardia e su molte aree del Veneto. Anche sulla nostra Regione sta nevicando, ma a quote decisamente più elevate.

Webcam Campocatino, 1800 metri slm, ristorante Luciana
Webcam Monte Livata, 1350 metri slm, www.orzellasport.it

Come possiamo vedere dalle webcam, rispettivamente di Monte Livata (quota 1400 metri circa sul livello del mare) e Campo Catino (circa 1800 metri, nei pressi di Guarcino, provincia di Frosinone) la neve sta cadendo in modo estremamente copioso al di sopra dei 1000/1200 metri di altezza, con accumuli che, come possiamo vedere dalle webcam appena allegate, crescono a vista d’occhio con il passare dei minuti. Sul Monte Livata si stimano siano caduti più di 25 cm in poche ore, a Campocatino circa 20.

La neve sta cadendo a quote decisamente più basse, come possiamo vedere dalla webcam di Nesce (circa 850 metri s.l.m.) e dalla foto inviata da Gabriele Carletti da Nerola, in cui si possono vedere virghe di neve sfiorare addirittura i 5/600 metri di quota nei pressi del Monte Navegna. Nevicate con accumulo anche nelle località di Cervara di Roma e Collalto Sabino fino a 2-3 cm;

le temperature aumenteranno leggermente nel corso delle prossime ore, con aumento graduale della quota neve, così come sarà graduale la cessazione dei fenomeni nel corso del pomeriggio e della sera. La pausa durerà molto poco, sono attesi nuovi intensi fenomeni, anche a carattere temporalesco, già dall’ora di pranzo di domani, con nuovi importanti fenomeni nevosi al di sopra dei 1000 metri sulle nostre montagne.

Domani, a causa di un’altra perturbazione, sono possibili accumuli di 20/40 centimetri al di sopra dei 1200/1400 metri s.l.m., con fiocchi che ancora una volta si porteranno fin sui 700 metri durante le fasi temporalesche nelle zone interne (Ciociaria, Reatino).

Grandinate segnalate nel corso della notte in provincia di Roma e lungo la costa del viterbese, non si segnalano particolari disagi. Il maltempo proseguirà praticamente per tutta la settimana, mentre le temperature inizieranno a diminuire in modo ancora più marcato a partire dalla serata di domani, Martedì 20 Marzo 2018, con nevicate localmente fino in bassa collina su viterbese (fiocchi sporadici), alto Romano, Reatino e vallate interne ciociare tra mercoledì 21 e venerdì 23 Marzo.

Neve copiosa in atto a Nesce . Meteonesce/Caput Frigoris
Fiocchi di neve fin sui 500 metri di quota nei pressi del Monte Navegna – Gabriele Carletti da Nerola

Leonardo Orlandi

Romano DOC dell’annata 1993. Appassionato di Meteorologia, Astronomia, Fotografia e Marketing, studia Scienze Politiche a Roma Tre, si occupa di turismo astronomico e divulgazione scientifica. Segue la Meteorologia fin da quando era molto piccolo, i temporali lo affascinano in modo particolare. Si occupa di cronaca meteorologica, tendenze meteo e reportage.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.