Primo assaggio d’estate per l’inizio di giugno? Si direbbe di sì: probabile infatti un’inversione di tendenza, con aumento graduale delle temperature e caldo moderato. Ancora instabilità però nei prossimi giorni

La perturbazione che sta interessando il nostro paese nei prossimi giorni evolverà in goccia fredda, con un abbassamento dei geopotenziali in particolare nelle regioni meridionali. Al contempo l’alta pressione sub-tropicale inizierà ad espandersi verso nord nei settori occidentali dell’Europa, tra penisola iberica e Francia. Assisteremo dunque ad un graduale aumento delle temperature e ad un miglioramento delle condizioni atmosferiche, tuttavia persisterà ancora un’accesa instabilità ad evoluzione diurna, con temporali pomeridiani in particolare nelle zone interne.

Le possibili precipitazioni fino alla giornata di sabato
Le possibili precipitazioni fino alla giornata di sabato

Giovedì 30 maggio, ancora residua instabilità al mattino, con locali deboli rovesci. Dal pomeriggio nuovo peggioramento nelle zone interne, con rovesci e temporali localmente intensi nelle zone interne (specie del basso Lazio). Temperature stabili.

I giorni successivi seguiranno dunque un copione già visto: bel tempo al mattino, poi a partire da metà giornata aumento della nuvolosità nell’entroterra, con formazione di rovesci e temporali. Venerdì ultimo giorno del mese, instabilità pomeridiana in particolare tra Ciociaria e agro pontino, sabato 01 giugno su gran parte dell’Appennino. Domenica 2 giugno, festa della Repubblica, sembra che l’attività convettiva sarà molto accentuata, con rovesci e temporali estesi a gran parte della regione al pomeriggio, con possibili sconfinamenti sulle coste.

Gli spaghi presi ad esempio per la città di Roma sono tutti concordi per un aumento graduale delle temperature nel medio termine
Gli spaghi presi ad esempio per la città di Roma sono tutti concordi per un aumento graduale delle temperature nel medio termine

Le temperature aumenteranno gradualmente, come si evince chiaramente dagli spaghi ensemble. I valori termici si assesteranno gradualmente verso valori estivi, ma senza eccessi di caldo al momento. Per metà della prossima settimana una saccatura atlantica molto imponente con asse sulla penisola iberica potrebbe spingere aria molto calda verso l’Italia, a causa del richiamo prefrontale: entreremo nel dettaglio nei prossimi giorni.

Gianmarco Guglielmo

Classe 1998, laureato in Ingegneria Civile presso l’Università Roma Tre, è da sempre appassionato di meteorologia, in particolare di fenomeni di maltempo estremi. Collabora con Meteo Lazio dal 2018.

Gianmarco Guglielmo
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.