Seconda perturbazione di Novembre: tutti i dettagli!

A soli cinque giorni dall’inizio del mese di novembre ci apprestiamo ad affrontare la seconda perturbazione del mese; la configurazione sarà simile a quella affrontata qualche giorno fa

Dopo le grandi piogge del primo weekend del mese, attendiamo una seconda perturbazione che seguirà una dinamica molto simile a quella precedente. Il motivo risiede in una profonda depressione situata sull’Europa centro-settentrionale che traslando in direzione del bacino Mediterraneo, permetterà alle correnti umide di libeccio di impattare sulla nostra regione ancora una volta. Il rafforzo delle correnti in quota da sud-ovest, sarà determinante per l’attivazione dell’effetto stau, causa principale dei maggiori quantitativi di pioggia a ridosso delle zone pedemontane. Ma entriamo nel dettaglio:

Come si può evincere dalle elaborazioni grafiche del modello Moloch, ci attendiamo nuovamente fenomeni persistenti sul basso Lazio (tra la Valle del Sacco e la catena Appenninica meridionale), con quantitativi nelle 24 ore superiori ai 50 mm; avremo valori similari o lievemente inferiori a ridosso dei Monti Reatini (versante occidentale), mentre sul resto della regione gli accumuli si attesteranno tra i 15 ed i 30 mm. Le piogge sul Lazio inizieranno a manifestarsi dalla sera del 04 novembre sulle zone interne, quando le correnti tenderanno ad intensificarsi; dal mattino successivo avremo rovesci sparsi e nel pomeriggio una linea di precipitazioni più compatta ed organizzata, dovrebbe lambire la regione da nord a sud accompagnando l’aria più fredda in ingresso. Le temperature nella serata di martedì subiranno un marcato calo (2-3°C). I venti si rinforzeranno nel corso della giornata e potranno raggiungere picchi intorno ai 60 km/h sulla costa, e fino a 80-100 km/h sulle zone montane. Per tutti i dettagli seguite i nostri aggiornamenti sulla Pagina Facebook!

ALLERTA METEO VALIDA PER MARTEDì 05 NOVEMBRE 2019

Gabriele Serafini

Classe 1992, meteoappassionato dal 2011 e Tecnico Meteorologo certificato DEKRA da Settembre 2019. Ha studiato ingegneria meccanica presso l'Università degli Studi Roma Tre e ha fondato la pagina Social di Meteo Lazio a Novembre del 2014, ideandola come gruppo di segnalatori da tutta l'omonima regione. Amante degli eventi climatici estremi nonché freddofilo, ha fondato l'Associazione Neve Appennino nel 2016. Dal 2017 è all'attivo di numerosi progetti scientifici con finalità di studio di microclimi d'interesse del Lazio e non solo.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.