ONDATA DI CALDO in arrivo, ECCO QUANTO DURERÀ

Alta pressione in rinforzo con caldo più intenso, ma durerà molto?

Un campo di alta pressione proveniente dal Nord-Africa, ben evidente alla superficie isobarica di 500hPa (5500 metri circa di quota) si protenderà dall’Algeria verso il Mediterraneo centro-occidentale e l’Italia.

Possiamo notate l’ondata di caldo che coinvolgerà pienamente il Lazio da questo week-end e più massimamente durante la prossima settimana.

Sarà un’ondata di caldo nel complesso non eccezionale e afoso a causa degli alti tassi di umidità, con la calura che potrebbe toccare l’apice dal pomeriggio di lunedì 29 e l’intera giornata di martedì 30 giugno 2020.

Le temperature massime si spingeranno con buona probabilità oltre i 30/33°C al suolo e >20°C a 850hPa (1500 metri di quota) oltre la media del periodo.

Abbastanza calde saranno altresì le temperature notturne, con valori termici che si manterranno tendenzialmente oltre i 20°C, soprattutto nelle zone urbane e le aree prospicienti ai bacini costieri.

 

CLICK SULLE IMMAGINI PER APRIRE SLIDESHOW >

 

Le stazioni meteorologiche della nostra rete di monitoraggio misureranno costantemente le temperature, che potrete consultare quotidianamente e direttamente mediante le mappe interpolate aggiornate in tempo reale.

L’aria calda continuerà a fluire sulla nostra regione almeno fino ai primi giorni di luglio con un andamento piuttosto costante, per la presenza di un’acuta saccatura in quota ubicata sulle coste Nord-atlantiche, che potrà determinare nuovi e pronunciati promontori di alta pressione in formazione sempre in direzione del Mar Mediterraneo e dell’Europa orientale.

 

POSSIBILI CAMBIAMENTI NEI PRIMI GIORNI DI LUGLIO

In andamento alla tendenza meteorologica eventuali cambiamenti della circolazione saranno valutabili solamente dalla prima decade del mese di luglio, quando in linea di massima non si esclude un dislocamento del promontorio Nord-africano in direzione del Mar Nero e del Caucaso, con l’ingresso di una nuova e rapida perturbazione atlantica sui comparti centrali dell’Europa e più limitatamente verso l’Italia.

Potrebbero tornare le piogge ma forse perfino qualche temporale, in modo particolare sulle regioni settentrionali del nostro paese.

 

Occorreranno comunque maggiori verifiche nei prossimi giorni per stabilire bene questa eventualità. Pertanto invitiamo l’utenza a restare regolarmente aggiornati attraverso il nostro portale e la pagina Facebook.

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.