Si preannuncia una settimana molto dinamica per la presenza di continui passaggi perturbati, con possibili miglioramenti tendenzialmente solo dal prossimo weekend

Persiste un’ampia struttura ciclonica, il cui minimo chiuso su tutti i livelli atmosferici è localizzato in prossimità della Penisola Scandinava. Un secondo minimo contiguo al primo tenderà a formarsi nelle prossime ore tra la Gran Bretagna e la Normandia.

Le immagini satellitari MSG ci mostrano un sistema frontale in sede al Mar Mediterraneo centro-occidentale ormai in fase di indebolimento vista l’occlusione presente e costituita tipicamente da nubi spesse anche temporalesche in concentrazione sull’Italia meridionale e la Sicilia.

Il primo giorno della settimana lunedì 12 ottobre 2020 sarà segnato dalla presenza di fenomeni temporaleschi quasi sempre sporadici e localmente forti, con annuvolamenti più diffusi unitamente a piogge intermittenti presenti costantemente sulla quasi totalità del territorio regionale in una ventilazione più fresca proveniente dai quadranti Nord-orientali.

Possibili deboli nevicate in appennino e sui rilievi preappennini dal pomeriggio/sera con accumuli al suolo deboli oltre i 1800 metri slm.

Le condizioni meteo si manterranno stazionarie e senza fenomeni di rilievo rispetto a quelli sopra descritti almeno fino alla serata di martedì 13 ottobre 2020, quando i venti al suolo meridionali derivanti da Sud-Ovest caldi e densi di umidità si estenderanno un’altra volta sul Mar Tirreno centrale in direzione del Lazio, generando un aumento delle temperature e un ritorno delle precipitazioni più che altro deboli o moderate per gli elevati quantitativi di umidità.

In tale contesto sicuramente molto variabile non mancheranno degli sporadici rasserenamenti su alcune zone del territorio, nell’attesa di un passaggio perturbato di forte intensità in arrivo indicativamente dalla sera di mercoledì 14 e le prime ore di giovedì 15 ottobre 2020.

Una circolazione ciclonica si avvierà presso il Mar Ligure, percorrendo tutta l’Italia centrale ed il Lazio con rovesci che potranno risultare a carattere temporalesco di forte intensità congiuntamente ad un rinforzo della ventilazione.

Nella giornata di giovedì 15 ottobre 2020 caleranno in aggiunta le temperature con l’arrivo delle precipitazioni e possibili nevicate sui rilievi appenninici sempre a quote elevate.

 

Dopodiché da venerdì 16 ottobre la perturbazione traslerà sulla Penisola Balcanica, lasciando l’Italia esposta a continui flussi occidentali instabili di origine atlantica che potranno arrecare ancora dei fenomeni precipitativi localizzati a ridosso del Mar Tirreno e del Lazio.

 

TENDENZA METEOROLOGICA GENERALE PER IL WEEKEND

Tuttavia una temporanea pausa potremmo osservarla in linea di massima dal prossimo fine settimana, quando tendenzialmente i campi di pressione potranno subire un lieve aumento per un blando cuneo alto pressorio che andrà ad irrobustirsi dalle Azzorre al Mediterraneo occidentale.

Ricordando però che si tratta in ogni caso di una tendenza meteorologica e che sarà sicuramente soggetta a delle variazioni future.

Pertanto vi invitiamo come di consueto a seguire i bollettini meteo giornalieri e la nostra pagina Facebook Meteo Lazio.

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.