Il fine settimana sarà instabile per il passaggio di una perturbazione che coinvolgerà direttamente il Lazio

Una profonda depressione costituita da aria molto fredda di origine polare sta avanzando in direzione del Mar Mediterraneo occidentale.

A partire dalle prime ore di sabato 05 è attesa la formazione di un minimo di bassa pressione tra la l’Isola di Corsica ed il Mar Tirreno settentrionale.

 

Sempre dalle prime ore di sabato il transito di un fronte caldo, accompagnato da una forte ventilazione meridionale darà luogo ad un primo peggioramento del tempo sul Lazio, ove saranno possibili isolati rovesci localmente temporaleschi sui versanti interni della Ciociaria e ai piedi dei Monti Ernici luoghi in cui potranno essere registrati i primi accumuli precipitativi.

Su queste zone alto sarà il rischio di ingenti accumuli pluviometrici a causa della stazionarietà dei fenomeni prima del passaggio dei temporali più forti, attesi in seguito tra la tarda sera/notte e le prime ore di domenica 06 dicembre.

In alcune aree potrebbero verificarsi altresì dei nubifragi con accumuli giornalieri stimati superiori ai 100 mm nelle ventiquattro ore tra sabato e domenica.

 

MOVIOLA PRECIPITAZIONI E VIRTUAL SAT

Moviolate satellite virtuale e pioggia simulata dalle 12 Z di sabato 05 alle 12 Z di domenica 06 dicembre

 

Nell’allerta meteorologica gialla diramata dal Centro Funzionale Regionale è stata valutata su tutta la regione una criticità idrogeologica per temporali in aggiunta a quella idraulica.

Precisando che nel decorso della perturbazione lo scenario sarà costituito da un’elevata incertezza previsionale, in quanto i temporali si presentano con una rapidità di sviluppo tale per natura da costituire una pericolosità non trascurabile.

I fenomeni saranno accompagnati da continua attività elettrica dovuta ai forti temporali organizzati, che tenderanno ad autorigenerarsi inizialmente sul Viterbese, spostandosi molto lentamente da Ovest verso EST/SUD-EST dalla sera di sabato, fino a raggiungere il basso Lazio nella mattinata di domenica 06 dicembre con alto rischio di nubifragi per la stazionarietà dei fenomeni.

In conclusione saranno possibili raffiche di vento e delle grandinate.

È possibile seguire l’evoluzione dei fenomeni in tempo reale attraverso il radar meteorologico regionale >>

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.