Maltempo di stampo invernale nel Lazio: caleranno le temperature con neve in arrivo

Dalla notte di venerdì e per la giornata di sabato 13 febbraio la struttura depressionaria in formazione tra la Corsica e la Sardegna allungherà il sistema frontale sulle regioni tirreniche e sul Lazio.

La circolazione ciclonica sarà costituita da un minimo barico localizzato sul Mar Tirreno centrale, dove si registreranno precipitazioni perlopiù moderate e diffuse intermittenti.
Il sistema ciclonico traslando sulle sezioni del Mar Tirreno meridionale dislocherà un marcato flusso di correnti artico-continentali, che continueranno ad affluire da N-E fino alle ore serali di sabato e per tutta la giornata di domenica 14 febbraio.
Le precipitazioni andranno via via ad esaurirsi dalle ore pomeridiane.

 

Sabato le aree regionali a risentire un maggiore attraversamento freddo saranno quella del Viterbese, ad iniziare dai Monti Volsini al confine tra la bassa Toscana e l’Umbria, con le precipitazioni che cominceranno ad assumere carattere nevoso a quota collinari già dalle prime ore in incremento al Lazio meridionale.

 

PROVINCIA DI VITERBO

Sull’alta Tuscia, i versanti Nord di Bolsena e il territorio di Acquapendente gli accumuli nevosi potrebbero superare i 3-5 cm dai 400 metri s.l.m. con fenomeni nevosi già dalla sera del 12 Febbraio al primo mattino.
Nel corso della mattinata le precipitazioni inizieranno a diminuire assieme alla quota neve, che potrà spingersi ai 200-300 metri e sulla città di Viterbo, sui Monti Cimini e sui Monti della Tolfa, dove non si escludono dei rovesci di neve parzialmente fusa con accumuli localmente >3 cm nel caso di precipitazioni più intense.
Nel corso del pomeriggio seguiranno dei rasserenamenti con temperature massime in ulteriore calo e venti Nord-orientali di burrasca forte >70-80 km/h.
In Umbria poco al confine permarranno delle nevicate, che localmente potrebbero spingersi sul Viterbese per lo sfondamento appenninico fino alla tarda notte e per tutta la giornata di domenica 14.

PROVINCIA DI RIETI

La neve cadrà copiosamente su tutte le valli interne di Amatrice e Leonessano fino ai versanti Nord-orientali del Terminillo dai 200 metri s.l.m.
Le precipitazioni saranno più limitate nel Cicolano, nei dintorni del Reatino e sulla Sabina ma comunque non mancheranno degli accumuli.
Sulla Piana di Cittaducale e lungo la Valle del Salto non mancheranno delle nevicate con accumuli deboli dai 400 metri s.l.m. e più consistenti in alta collina.
Nevicherà sui Monti Sabini con possibili fiocchi parzialmente fusi perfino sulla Piana di Rieti nonostante le temperature positive tra 1°C/2°C (tuttavia non si esclude un debole accumulo).
Come per il Viterbese caleranno le temperature massime seguite inoltre da venti forti di burrasca da Grecale superiori >70-80 km/h.

PROVINCIA DI ROMA

Nelle campagne romane la situazione meteorologica risulta assai più complessa, tenendo in considerazione che l’apporto freddo tenderà a concentrarsi più incisivamente sulle porzioni settentrionali alla Capitale, almeno fino a quando persisteranno delle precipitazioni e quindi delle remote possibilità di rovesci nevosi. Ritenendo conto che il raffreddamento sarà lento e alquanto discontinuo durante le prime fasi, per cause attribuibili all’orografia a livello locale e un gradiente di pressione in tale circostanza debole.

Delle nevicate intermittenti alternate ad eventi di acquaneve riguarderanno le aree a maggiore elevazione a Nord del Lago di Bracciano e lungo la Valle del Tevere, compresi i Monti Lucretili e Prenestini con nevicate e accumuli deboli dai 300 metri s.l.m.
Mentre in alta collina al di sopra dei 600 metri gli accumuli nella prima parte della giornata potrebbero superare i 10-15 cm (su Lucretili/Prenestini).
Fenomeni che si estenderanno fino all’Alta Valle dell’Aniene sui Monti Simbruini ed Ernici al confine della Ciociaria e sugli Altipiani di Arcinazzo. Nevicherà al di sopra dei 300 metri con accumuli superiori ai 10 cm.
Non nevicherà nel centro di Roma, seppure qualche fenomeno di acquaneve/fiocco fra la pioggia di poca rilevanza potrà spingersi sui quartieri Nord più elevati oltre i 100 metri s.l.m. anche con temperature di poco superiori ai 2/3°C.
Nel corso della mattinata le temperature inizieranno a calare sui settori romani Sud-orientali. Luoghi in cui permarranno delle precipitazioni anche nevose a ridosso dei Castelli Romani soprattutto versante EST (accumuli deboli sui 3 cm). Neve anche su Rocca di Papa, con accumuli irregolari a seconda delle zone (paese/Campi di Annibale).
Totalmente escluse dalle nevicate le aree costiere.

LAZIO MERIDIONALE

Le precipitazioni persisteranno maggiormente sul Lazio meridionale tra le province di Latina e Frosinone, con eventi nevosi in corrispondenza dei Monti Ernici e l’Alta Ciociaria (accumuli >6-10 cm sulle zone collinari prospicienti alla dorsale subappenninica dai 400 metri s.l.m.).
Quota neve in successivo calo dalla tarda mattina/primo pomeriggio fino ai 200-300 metri s.l.m con accumuli leggeri tra 1-3 cm lungo la Valle del Liri, Valle del Sacco e di Comino fino ai rilievi preappenninici del Cassinate alle medesime quote.
Qualche precipitazione nevosa o parzialmente fusa potrebbe spingersi anche sui 100 metri s.l.m. in modo particolate a Nord-Est dei Monti Aurunci e Ausoni (aree di bassa collina più fredde).
Peculiarmente sui Monti Aurunci gli accumuli potrebbero superare i 10-15 cm.
Le nevicate riguarderanno per di più i Monti Lepini, con massimi accumuli stimati sui versanti di Frosinone.
Venti di Grecale in rinforzo e temperature massime in calo.

 

 

DALLA NOTTE DI SABATO E LE PRIME ORE DI DOMENICA LE TEMPERATURE MINIME SCENDERANNO AL DI SOTTO DEI 0°C IN PIANURA
❆❆ ALTO SARÀ IL RISCHIO DI ESTESE GELATE ❆❆

 

 

Aggiornamenti in tempo reale saranno pubblicati costantemente dalla nostra redazione sui canali social: Facebook e Instagram per le foto.

 

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.