ARIA INQUINATA: polveri sottili ancora elevate a ROMA e FROSINONE

Situazione nel Lazio ancora gravosa per la presenza degli inquinanti in atmosfera.

Solo nel fine settimana inizierà ad avviarsi un cambio di circolazione atmosferica.
Momentaneamente e almeno fino a venerdì e sabato la pressione resterà ancora alta e livellata con indici di particolato atmosferico piuttosto elevati nella Capitale e in modo particolare lungo la Valle del Sacco nella provincia di Frosinone.

Ricordiamo che questi gas hanno effetti particolarmente nocivi per la salute, in quanto hanno un diametro compreso tra i 10^3 e 10^2 micron e sono composti da: ammonio, sodio, solfati, nitrati e cloruri.
Tali particelle inquinanti sono condizionate molto dallo stato dell’atmosfera: ad esempio dal vento e dalle precipitazioni, in assenza di questi elementi prevalenti le polveri sottili tendono a ristagnare nei bassi strati per più giorni.
Difatti nelle prossime 48 ore ci aspettiamo una permanenza del PM10 sul territorio meridionale del Frusinate a causa principalmente delle attività industriali e del traffico concentrato soprattutto nei centri urbani finanche il centro di Roma.

ULTIME SIMULAZIONI DI ARPA LAZIO

PM10 – giovedì 04 marzo

 

PM10 – venerdì 05 marzo

 

La concentrazione di polveri sottili inizierà a disperdersi solamente dal fine settimana (sabato 06 marzo), quando l’avvicinamento di una debole perturbazione determinerà un ritorno delle piogge e un rafforzamento della ventilazione.

 

PM10 – sabato 06 marzo (in diminuzione)

 

 

Seguiranno ulteriori approfondimenti sul peggioramento meteo sul nostro portale e mediante i canali social Meteo Lazio: Facebook e Instagram.

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.