Alta pressione in consolidamento, trascorsa la settimana santa possibile peggioramento meteo.

Una debole onda depressionaria di origine atlantica ha fatto il suo ingresso sull’Europa centrale tra sabato scorso e domenica, portando deboli piogge sui versanti svizzeri Oltralpe e localmente sull’Italia Nord-orientale.

Nel corso della settimana l’onda summenzionata a scala europea traslerà verso Sud-Est portandosi nei prossimi giorni tra la Turchia e la Grecia, laddove si approfondirà dando origine ad una nuova onda ciclonica in isolamento sul Mediterraneo orientale entro la fine di marzo.
L’allontanamento di tale strutta barica e l’avanzamento di una depressione sull’Atlantico farà accrescere verso l’Europa un vasto promontorio anticiclonico di matrice Nord-africana, che da martedì 30 marzo collocherà i massimi di pressione tra il Mar Tirreno e l’Europa centrale.

Resisterà almeno fino a mercoledì 31 marzo, dopodiché l’azione combinata tra più strutture di bassa pressione avvierà un graduale processo di erosione dai primi giorni di aprile.

Martedì il tempo risulterà stabile e soleggiato su tutto il Lazio.

Le temperature massime subiranno un aumento considerevole, portandosi oltre la norma del periodo di +7/+8°C nella media climatica (1979-2010).
Avvertiremo di più il caldo, soprattutto nel centro di Roma, lungo la Valle del Tevere e la Maremma laziale dove le temperature nelle ore centrali del giorno potrebbero superare i 24-25°C.

Il mese di marzo si concluderà a pieno ritmo dell’alta pressione con un improvviso assaggio di fine primavera.

 

Situazione praticamente identica anche mercoledì 31 marzo.

Dal primo aprile perdureranno i cieli soleggiati e stabili per buona parte della giornata.
Dalla sera però una debole goccia fredda in quota dall’Atlantico avanzerà dalle Azzorre in direzione della Spagna e del Mediterraneo occidentale.
Quest’ultima avvicinandosi alle Isole Baleari e la Sardegna tra venerdì 02 e sabato 03 aprile arrecherà un modesto rinforzo della ventilazione di Scirocco sul Mar Tirreno portando un aumento dell’umidità e lievemente della copertura nuvolosa.

Saranno inoltre possibili dei fenomeni a sviluppo diurno in corrispondenza dei rilievi montuosi appenninici.

 

TENDENZA WEEKEND DI PASQUA

La situazione meteorologica a scala europea stando alle stime attuali sarà caratterizzata da un promontorio interciclonico.
Il campo di alta pressione dal prossimo weekend e la settimana successiva (tra Pasqua e Pasquetta) affronterà probabilmente una riduzione della sua portata.
Da domenica 04 e lunedì 05 aprile si prospetta sempre di più l’avviamento un’ondulazione meridiana di origine Nord-Atlantica dovuta ad una deviazione del getto polare.

Aria fredda sarà convogliata fino all’Europa occidentale con forti correnti umide e calde che dal deserto sahariano si spingeranno su tutti i mari occidentali italiani.
Sarà l’inizio di un possibile peggioramento che rianalizzeremo nel dettaglio non appena le simulazioni modellistiche saranno più attendibili nel medio termine.

 

Aggiornamenti costanti attraverso i bollettini giornalieri e i canali social Meteo Lazio

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.