L’alta pressione domina buona parte del continente, mentre una serie di onde perturbate stanno per raggiungere il Mediterraneo occidentale.

Un campo interciclonico ricoperte le sezioni centro-occidentali del continente europeo e dall’inizio della settimana in campo mobile di alta pressione si mantiene sull’Italia centrale favorendo condizioni di stabilità almeno fino a venerdì.
Una leggera depressione sta attraversando inoltre le coste Nord-africane spingendo a ridosso del Mediterraneo e il basso Tirreno sostenute correnti Libecciali più secche in quota e ricche di polveri desertiche.

Rilevanti anche le immagini satellitari ad alta risoluzione Aqua (NASA) di giovedì 28 aprile dove si evincono chiaramente le velature tendenti al marrone dal Deserto del Sahara verso le acque tirreniche e la Sardegna, luoghi in cui aumenta la nuvolosità per la risalita di un fronte caldo.

La depressione tuttavia non riguarderà le coste tirreniche laziali, ma tenderà a sfaldarsi verso il Mar Ionio nelle prossime ore.

 

EVOLUZIONE WEEKEND

Il cambiamento che andrà a configurarsi dal weekend lo riscontreremo dalla serata di venerdì e sabato 30 aprile nell’ultimo giorno del mese.

Una debole goccia fredda atlantica raggiungerà le regioni settentrionali dal tardo pomeriggio/sera di sabato causando la formazione di temporali specie sul comparto prealpino.
Sul Lazio avremo soltanto da sabato un parziale aumento della nuvolosità con qualche isolata e debole pioggia nelle zone interne della Regione.

Da domenica 1° maggio la goccia fredda scivolerà verso SE attraversando tutto l’Appennino settentrionale e centrale.

Non si attendono dei fronti con rischi di temporali forti, seppure la presenza di aria più fresca in quota sarà sufficiente per causare l’innesco di locali focolai temporaleschi a sviluppo diurno sulle aree preappenniniche interne del Lazio e al confine in Abruzzo.
I fenomeni saranno molto sporadici ed isolati e sul Lazio prevarranno condizioni di cielo sereno o al più poco nuvoloso specie sulle località costiere.
Le velature invece in alta quota saranno più insistenti anche per la presenza del pulviscolo desertico in sospensione.

Per tutto il fine settimana la ventilazione sarà debole e variabile con mari da poco mossi a quasi calmi.

 

 

TENDENZA PROSSIMA SETTIMANA

La prima settimana di maggio sull’Italia vedremo un tenue rinforzo barico superficiale, con la goccia fredda che da lunedì e martedì 02 maggio si allontanerà verso i Balcani e la Grecia.
Tutto ciò permetterà un miglioramento delle condizioni meteo con cieli sereni e temperature nella norma, localmente con picchi oltre i 25°C. Non escludendo però qualche annuvolamento pomeridiano sulle zone appenniniche dell’entroterra (Roma Est e Ciociaria).

 

Per tutti i dettagli potete consultare i bollettini meteo giornalieri e i nostri canali social.

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.