L’estate meteorologica inizia a pieno ritmo con una prima ondata di caldo piuttosto forte dai primi di giugno, nel dettaglio:

Un promontorio subtropicale inizia a rioccupare le sezioni occidentali del Mediterraneo, veicolando correnti umide puntualmente instabili al Nord-Italia.
Mentre tra le due Isole Maggiori e sull’Italia centrale da metà settimana aumenteranno eccessivamente le temperature massime con un’ondata di calore estiva.
A preoccupare sarà proprio il caldo eccessivo agli inizi di giugno e per la festività della Repubblica, pertanto nonostante la stabilità e i cieli spesso sereni vivremo un’ondata di maltempo anticiclonico proprio a causa del caldo afoso.

Sul Lazio e in modo particolare sulle pianure i valori termici da giovedì 02 giugno e almeno fino al weekend potrebbero superare i 3637°C per più giorni consecutivi.

Sulle zone costiere il caldo potrà risultare anche afoso per un aumento dell’umidità relativa specie durante la notte con condizioni simil-tropicali.
Aspettiamoci dunque pure valori minimi notturni ben oltre la media di circa +6/+8°C sui 2425°C tra sabato 04 e domenica 05 giugno.
I cieli risulteranno prevalentemente sereni o al più poco nuvolosi, non escludendo qualche innocua velatura più consistente soprattutto al primo mattino in diverse aree della Regione.

Inoltre per la persistenza del caldo il Ministro della Salute potrebbe diramare nei prossimi giorni un’allerta ufficiale a seguito le temperature piuttosto elevate previste con rischi per la salute.
Al momento è stata emessa una preallerta gialla per le seguenti province: Roma, Rieti, Latina, e Frosinone per il giorno 02 giugno.

 

Restate sintonizzati mediante i nostri canali dove seguiranno tutti gli aggiornamenti anche mediante i social network.

Giorgio Rotunno

Classe 1997, studia Meteorologia ed Oceanografia all’Università Parthenope. Da diversi anni si occupa soprattutto di osservare gli eventi temporaleschi che interessano il Lazio, svolgendo diverse attività previsionali. Entra a far parte ufficialmente di Meteo Lazio nel febbraio 2020.

Giorgio Rotunno
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.