Ufficiale: in arrivo l’estate più calda di sempre

Ebbene si, anche noi dobbiamo annunciarvi questa clamorosa scoperta: quest’anno (come tanti altri in precedenza) si verificherà l’estate più calda di sempre! Non potevamo nascondervi questa notizia che incredibilmente non è stata ancora divulgata dai principali mass-media e notiziari di calibro nazionale. Da recenti studi che sovvertono tutte le leggi alla base della fisica dell’atmosfera, sappiamo con estrema certezza che dal mese di Giugno fino al termine di Agosto (con ben 2 mesi di anticipo) saremo nella morsa dell’Anticiclone Africano che quest’anno porterà il nome di Ivan Il Terribile, per le sue caratteristiche devastanti. Temperature oltre i 40°C, afa e disagi alla popolazione alla quale ricordiamo di non uscire durante le ore più calde del giorno, poiché le insolazioni potrebbero essere fatali. Come già detto la notizia non sta ancora facendo il giro del web, per cui vi invitiamo alla massima condivisione fino a quando sarete allertati dagli organi di competenza; nel frattempo vi invitiamo a seguire i nostri preziosissimi aggiornamenti, in attesa di nuovi sconcertanti dettagli su quella che sarà una stagione estiva apocalittica.


Se siete arrivati fino a questo punto, spero che abbiate capito che le righe qui sopra rappresentavano soltanto una caricatura. Ed essendo il 1 Aprile abbiamo pensato che potevamo sensibilizzarvi e mettervi in guardia in merito a questa tipologia di articoli. Quante volte vi siete trovati di fronte a pubblicazioni simili, aventi contenuti sovvertivi e disastrosi? Ebbene questa tipologia di scrittura rappresenta soltanto una delle caratteristiche fondamentali per riconoscere quella che possiamo definire una fake news (notizia falsa), insieme a tante altre che si aggiungono alla lista che ci permettono di destare maggiore sospetto: grafiche con colori sgargianti e simboli di pericolo per l’incolumità umana, richiami all’attenzione molto vistosi nella formulazione del titolo e una buona dose di scandalo insieme a fantomatiche teorie del complotto, secondo le quali alcune “fonti” sarebbero state messe a tacere.

Una volta entrati in questa logica possiamo sicuramente fare un netto distinguo tra chi cerca spudoratamente di trarre guadagno dalla lettura di un articolo (tramite la “condivisione di massa”) e chi si focalizza invece sul contenuto scientifico di un testo che segue un principio sostanziale: fornire più informazioni possibili, nella maniera più fruibile e comprensibile al pubblico di lettori.

Detto questo, il nostro più “caldo” invito è quello di leggere sempre con cautela i contenuti e le informazioni che vengono trasmesse su internet e come abbiamo già affermato in altre occasioni, controllate fino in fondo le fonti ed (in linea di massima) affidatevi a chi è autorizzato/affermato professionalmente per avere notizie sulle previsioni meteorologiche.

Oggi è stato uno scherzo, da domani fate più attenzione.

Gabriele Serafini

Classe 1992, meteoappassionato dal 2011 e Tecnico Meteorologo certificato DEKRA da Settembre 2019. Ha studiato ingegneria meccanica presso l'Università degli Studi Roma Tre e ha fondato la pagina Social di Meteo Lazio a Novembre del 2014, ideandola come gruppo di segnalatori da tutta l'omonima regione. Amante degli eventi climatici estremi nonché freddofilo, ha fondato l'Associazione Neve Appennino nel 2016. Dal 2017 è all'attivo di numerosi progetti scientifici con finalità di studio di microclimi d'interesse del Lazio e non solo.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.