Dust Devil: Turbine o diavolo di sabbia

Si tratta di un fenomeno meteorologico sovente confuso come tromba d’aria e che raramente interessa anche le nostre spiagge: il dust devil

Il turbine o diavolo di sabbia è un fenomeno atmosferico tipico delle zone calde e desertiche.

A differenza delle trombe d’aria e dei tornado non è legato a perturbazioni o sistemi temporaleschi bensì ad elevate temperature, aria molto secca ed intensa radiazione solare. Questa serie di condizioni meteorologiche unite tra loro, talvolta, favoriscono la formazione di una colonna d’ aria rotante e ascendente la quale causa il sollevamento di sabbia o polvere ( generalmente fino a 30-40 metri di altezza ma può spingersi in rarissimi casi a 1000 ).

Le zone nelle quali il diavolo di sabbia è frequente sono il deserto del Sahara, in Iran, in Tibet e i deserti degli USA ( Arizona, Nevada e Texas ).  Negli Stati Uniti difatti si verificano diavoli di sabbia potenti e che provocano danni a cose e persone ( anche vittime purtroppo ).

DUST DEVIL IN ITALIA

Come accennato in precedenza il turbine di sabbia può coinvolgere zone del territorio italiano ed in particolare le spiagge di tipo sabbioso ( o aree in prossimità ). Per citarne alcuni, nel Settembre 2002 ad Ugento in Puglia dove raggiunse circa i 300 metri di altezza e nel 2006 in Sicilia sulla spiaggia di Trapani.

Dust Devil in Emilia Romagna nel modenese ( Luglio 2015 )

Per quanto riguarda la nostra regione, nel Luglio 2017 anche il litorale di Ostia è stato interessato dal fenomeno che, nel primo pomeriggio di una calda e torrida domenica estiva, ha fatto spaventare non poco i bagnanti di alcuni stabilimenti balneari e si sono registrati anche alcuni feriti.

Turbine di sabbia sul litorale romano ( Ostia, 16 Luglio 2017 )

La cronaca dell’accaduto e la sinottica sono ben descritte in un articolo sul sito dell’ Aeronautica Militare.

Antonio Teodosi

Nato a Roma, classe 1980, fin da piccolo appassionato di meteorologia e climatologia, esperto conoscitore del clima del litorale romano di cui rileva e conserva ogni giorno i dati meteorologici dal 2005. Adora il mare ma è anche appassionato di montagna e di tutte le attività connesse. Da autodidatta, studia e approfondisce la materia attraverso libri ed internet.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.