Arriva la prima perturbazione dell’Autunno astronomico

Una saccatura di aria più fredda e umida proveniente dall’Atlantico, porterà un nuovo veloce peggioramento nella giornata di mercoledì 25 settembre sulle regioni centro-settentrionali

L’autunno si fa sempre più prorompente, e mentre ci lasciamo alle spalle un’intensa perturbazione, che ha apportato rovesci e temporali piuttosto forti nonché accumuli di pioggia molto abbondanti come vi abbiamo già parlato nell’articolo relativo alla pioggia del 22 settembre; dando uno sguardo ai prossimi giorni, notiamo che una nuova perturbazione (la prima dopo l’equinozio autunnale) è pronta ad investire l’italia centro-settentrionale e la nostra regione.

Ma andiamo con ordine: martedì 24 settembre tempo in miglioramento su tutti i settori, con cielo sereno e soleggiato ed un generale aumento delle temperature; qualche banco di nebbia sarà possibile in mattinata nelle aree pianeggianti e vallive, ma in dissolvimento alla luce del sole. Mercoledì 25 il tempo peggiorerà, ma stavolta la saccatura atlantica sarà meno pronunciata, evitando così una fase perturbata organizzata come la precedente, con fenomeni che saranno principalmente a sviluppo convettivo, e quindi nelle ore centrali del giorno. In particolar modo i settori più interessati da questo peggioramento saranno il nord-est, sopratutto Alpi e Prealpi, Toscana, Umbria e Lazio, le regioni più esposte al flusso occidentale. Nel corso della notte tra mercoledì e giovedì, il maltempo tenderà a scivolare verso sud, spostandosi verso le regioni meridionali; anche qui i settori principalmente interessati saranno quelli sul versante Tirrenico di Campania (già dalla nottata stessa) e della Calabria nel corso della mattinata successiva. Piogge a carattere sparso potranno manifestarsi sulle restanti regioni dove avremo condizioni atmosferiche caratterizzate da cieli generalmente nuvolosi.

FOCUS LAZIO

Nubi in aumento già dalla mattinata di mercoledì, con i primi isolati scrosci di pioggia; il pomeriggio sarà piuttosto dinamico con cieli coperti e piogge sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale. Maggiore coinvolgimento delle aree interne ed Appenniniche, mentre sulla fascia costiera il tempo dovrebbe mantenersi più clemente e avremo nuvolosità poco significativa. Il clima risulterà generalmente più fresco grazie al minor irraggiamento e a correnti più fresche;  massime previste in diminuzione, calo più contenuto per le minime. Migliora dalla sera seppur qualche scroscio occasionale sarà possibile nelle ore finali del giorno, sopratutto sul basso Lazio. Per un miglioramento più deciso dovremo aspettare la giornata di Giovedì 26 settembre, con ampie schiarite su tutti i settori.

Gabriele Carletti

Classe 1996, meteoappassionato sin dalla più tenera età, amante degli eventi climatici estremi e della neve. Collabora con Meteone e ilmeteodeicastelli.it ed è gestore di meteonerola.it per il monitoraggio meteo-climatico locale. Fortemente attratto da tutte le dinamiche fisiche che regolano l’atmosfera e autodidatta nel settore fisico-matematico di questa scienza. Contatto: gabrielecarletti@meteonerola.it

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.