Aprile 2022: relativamente fresco ma ancora poca pioggia!

Il mese centrale della primavera meteorologica è risultato relativamete fresco e secco secondo i dati dell’ISAC-CNR e della rete di Meteonetwork

Il mese di Aprile 2022 è stato caratterizzato da temperature al di sotto delle medie ma anche da precipitazioni scarse. Si conferma, quindi il trend siccitoso in atto da diversi mesi.

Le temperature medie sono state più basse rispetto alle medie trentennali di riferimento di -0,36°C.  Al Nord l’anomalia è stata di -0,36°C; al Centro e sulla Sardegna di -0,37°C e al Sud e sulla Sicilia di -0,35°C. Anomalia quindi abbastanza ben distribuita sul territorio nazionale anche se, nel complesso, le temperature inferiori alle medie si sono avute maggiormente sui settori orientali mentre altrove sono state intorno alla media o lievemente sopra (Valle d’Aosta e Alto Piemonte).

Anomalie temperature medie rispetto alla media trentennale 1991-2020. Fonte: ISAC-CNR.

Le temperature minime sono risultate inferiori alla media trentennale di-0,63°C. Al Nord lo scarto è stato di -0,77°C; Al Centro e sulla Sardegna di -0,81°C e al Sud e sulla Sicilia di -0,53°C. Valori sotto la media su gran parte del terriotorio nazionale, al di sopra della media solo sulla Sicilia Meridionale.

Anomalie temperature minime rispetto alla media trentennale 1991-2020. Fonte: ISAC-CNR.

Le temperature massime sono state praticamente in media e hanno fatto registrare un’anomalia di appena -0,09°C; Al Nord la differenza è stata di +0,02°C; al Centro e sulla Sardegna di +0,05°C e al Sud e sulla Sicilia di -0,16°C. Valori in media o lievemente sotto ad eccezione del Piemonte e della Valle d’Aosta (qui con un’anomalia positiva più marcata), del Basso Lazio, del Versante Ionico e della Sardegna (dove le temperature sono state in media o leggermente al di sopra).

Anomalie temperature massime rispetto alla media trentennale 1991-2020. Fonte: ISAC-CNR.

Le precipitazioni sono state inferiori alle medie di circa la metà (-46%). Piogge sotto media essenzialmente da Nord a Sud salvo poche aree (Bolognese, Pistoiese, Pratese, Ravennate, Forlivese, Colline Metallifere, Campidano, Iglesiente, Piana del Sele, Palermitano e Appennino Calabro-Lucano) e “sotto-media” più marcato tra Torinese, Novarese; Vercellese; Astigiano, Lomellina, Ascolano, Chietino, Barese, Salento, Materano, Crotonese, Ennese, Nisseno e Val di Noto.

Anomalia precipitazioni del mese di Aprile 2022 secondo i dati della rete Meteonetwork.

Conclusioni: seppur più movimentato e con alcune discese di aria fredda, il mese di Aprile è comunque stato contraddistinto in gran parte da pressione più alta della media e, nel complesso, da una scarsa penetrazione delle piovose perturbazioni atlantiche a favore, invece, di blande depressioni Afro-mediterranee e di irruzioni fresche dai Balcani con scarse precipitazioni. Dal punto di vista termico ciò ha garantito temperature pressochè nella media nei valori massimi (ampio soleggiamento) e inferiori alle medie nei valori minimi (cieli sereni e assenza di importanti avvezioni calde specie al medidione in favore invece di irruzioni fresche). (G.G.)

Gianluca Giorgi

Classe 1991; nato, cresciuto e, tuttora residente, sul Litorale Romano. Fin da piccolo appassionato di meteorologia e di fenomeni naturali. Osserva e studia il tempo e il clima della costa da diversi anni (misurazione di pioggia, temperature e vento). Collabora con Meteo Lazio sin dalla sua nascita con il suo consueto bollettino meteorologico del mattino.

Gianluca Giorgi
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.